Volumizzazione naturale del viso

volumi-viso

Dr.ssa Francesca Palumbo, Specialista in Chirurgia plastica, Chirurgia estetica, Medicina estetica

Ottenere un aspetto complessivamente più giovane, attraverso il ripristino armonico dei volumi è una sfida che spaventa molte pazienti. La prima domanda che si pongono è se l’effetto sarà naturale perché un aspetto costruito è ciò che i pazienti temono maggiormente. Grazie a prodotti di qualità è possibile soddisfare le loro esigenze.

Qual è il paziente ideale per un trattamento di ripristino dei volumi del volto?

Solitamente è una persona che presenta una perdita di volumi a livello del terzo medio e del terzo inferiore del volto. Tale fenomeno si verifica a causa del naturale processo di invecchiamento, specialmente a partire dai 40 anni di età, comportando un riassorbimento del tessuto adiposo di zigomi, tempie e, di conseguenza perdita di volume e tono a livello del contorno mandibolare. L’effetto è un ribaltamento delle normali proporzioni del viso tale per cui appare più svuotato, rilassato e a volte persino dai tratti più tristi. 

Tuttavia, possono esserci pazienti più giovani che mostrano una mancanza di proiezione nell’area zigomatica a livello morfologico sin dalla nascita, tale per cui il volto può apparire più svuotato o squadrato. In questi casi, possiamo lavorare sui volumi per migliorare il profilo del paziente. 

A tal proposito, mi viene in mente il caso di una paziente di 35 anni che presentava una importante asimmetria del volto, prevalentemente a livello dello zigomo, del mento e del profilo mandibolare. Ciò chiaramente le portava un notevole disagio, ma si è lasciata consigliare e siamo riusciti a riarmonizzare il volto in maniera naturale, ridonandogli le giuste proporzioni e volumi, con grande soddisfazione della paziente e mia.

Come approccia i pazienti che necessitano di questo tipo di trattamento?

Fare chiarezza sul risultato atteso è molto importante. È dovere del medico tranquillizzarli rispetto alla naturalezza dei risultati ma anche offrire loro prospettive realistiche rispetto al loro grado di miglioramento. Alla base di tutto c’è un assessment approfondito del paziente. Dopodiché tutto dipende dalle mani esperte dei professionisti e dai prodotti utilizzati. Mi piace pensare che la medicina estetica sia il perfetto connubio di scienza, tecnica, arte e tanta esperienza, perché solo così si può arrivare ad inquadrare il problema del paziente e riuscire a risolverlo senza alterare i tratti del viso, bensì renderli più armonici.

Di quali prodotti parliamo?

Per questi tipi di trattamenti utilizzo principalmente filler a base di acido ialuronico con tecnologia CPM, specifici per creare un effetto 3D visibile da diverse angolazioni.

La tecnologia CMP permette di ottenere risultati straordinari perché garantisce un aspetto anti-aging naturale e un basso richiamo d’acqua. Si integra bene nei tessuti e assicura un effetto liftante eccellente.

L’acido ialuronico, che è naturalmente presente nel nostro corpo, ma che tende a ridursi con il passare del tempo, è considerato un ottimo riempitivo estremamente adattabile. Insomma, questi prodotti ci garantiscono un look personalizzato per ogni paziente. 

Quanto dura questo tipo di trattamento?

Di base, un filler volumizzante di qualità ha una durata minima di 6 mesi. Poi dipende dalle caratteristiche di ciascuna persona. Ci sono pazienti soddisfatti dei risultati fino a 18 mesi.

Guarda la scheda professionale della Dr.ssa Francesca Palumbo, Centro Medico Belotero: clicca qui.