Acido ialuronico per idratare la pelle in profondità

acido-ialuronico

Dr.ssa Giuseppina Ambrosio, Specialista in Chirurgia Generale e Chirurgia Maxillo-Facciale

L’acido ialuronico è normalmente presente nel nostro corpo. Questa molecola viene prodotta nel nostro organismo con l’obiettivo di mantenere l’idratazione e proteggere i tessuti. All’interno della nostra pelle favorisce la fisiologica produzione di collagene ed è in grado di formare una pellicola a livello superficiale che impedisce la dispersione di acqua.

Con il passare del tempo però, la disponibilità di acido ialuronico presente nella nostra pelle diminuisce anche per effetto dei raggi UV e dell’inquinamento. A partire dai 25 anni, infatti l’epidermide appare più secca e disidratata e le prime rughe fanno inesorabilmente la loro comparsa, soprattutto sul contorno occhi e sulle labbra. Correre ai ripari si può, scegliendo i trattamenti ed i prodotti giusti. Esistono numerosi trattamenti a base di acido ialuronico, tra cui i filler, in grado di correggere gli inestetismi che si creano, donando un effetto immediatamente visibile e gradevole.

Cos’è l’acido ialuronico?

L’acido ialuronico, chiamato anche ialuronato, è un importante componente naturale contenuto in determinate aree del nostro corpo tra cui le cartilagini, il liquido sinoviale e in concentrazioni particolarmente elevate nel derma. È un glicosaminoglicano. Non un acido, come sembrerebbe richiamare il suo nome, ma uno zucchero che attira l’acqua grazie alla sua struttura specifica.

L’acido ialuronico è biocompatibile: questo perché presenta la stessa composizione chimica e funzione in qualunque specie e tipo di tessuto. È in grado di mantenere il grado di idratazione, turgidità, plasticità e viscosità. Agisce anche come molecola anti-urto nonché come efficiente lubrificante, prevenendo il danneggiamento delle cellule dagli stress fisici. Inoltre, può funzionare come filtro contro la diffusione libera nel tessuto di particolari sostanze come batteri ed agenti infettanti.

Perché è importante per il benessere della pelle?

L’acido ialuronico è essenziale per la formazione della matrice di collagene e delle fibre elastiche ma non solo, è fondamentale anche per preservare l’idratazione della cute. A livello cutaneo l’acido ialuronico svolge un ruolo fondamentale nel conferire il giusto grado di turgore alla pelle, esercitando anche un’azione riempitiva e rimodellante donando alla cute un aspetto giovane e rimpolpato. La sua presenza dona un aspetto fresco e vivace determinando un rafforzamento del derma bloccandone e rallentandone il cedimento, conferendogli particolari proprietà di resistenza e mantenimento delle forme.

Acido ialuronico e invecchiamento

Con il passare degli anni, soprattutto nel fumatore, ma anche a causa del foto-danneggiamento, si determina una riduzione della produzione delle fibre collagene e una loro frammentazione. Inoltre, la carenza di acido ialuronico è uno dei processi responsabili dell’invecchiamento, poiché la mancanza di esso contribuiscono a questo processo naturale.

Tale impoverimento e alterazione architetturale crea un assottigliamento dermico con la seguente comparsa delle rughe e di conseguenti inestetismi. Studi recentissimi dimostrano che iniettare acido ialuronico nelle aree con difetto di fibre collagene crea una distensione meccanica che induce i fibroblasti a produrre nuove fibre ben organizzate come accade nella pelle giovane.

Questo aumento di collagene persiste per decenni con tutti i benefici che ne conseguono. Ci si sente cosi più apprezzati e sicuri di sé anche col trascorrere del tempo. Invecchiare bene, accettarsi, è sinonimo di vivere bene.

I trattamenti a base di Acido Ialuronico

Date le numerose proprietà elencate, l’Acido Ialuronico risulta utile sia in campo medico che in campo estetico. La medicina estetica, infatti, propone numerosi trattamenti anti-aging a base dello stesso.

Le creme con acido ialuronico, ad esempio, vengono spesso utilizzate con l’obiettivo di limitare i segni del tempo, ma, in questo caso, l’acido ialuronico contenuto in esse, non raggiunge gli strati dermici più profondi, per cui, il solo trattamento topico è inefficace e dispendioso.

Consiglio tantissimo creme in soggetti giovani che desiderano trattare le prime rughe o in quelle persone che cercano un’ottima crema idratante e protettiva. L’acido ialuronico difatti si deposita sulla nostra pelle formando una sottospecie di pellicola che protegge la nostra pelle dalle aggressioni esterne. Il target di riferimento quindi sono donne e uomini dai venticinque ai trentacinque anni. L’ effetto delle creme e dei sieri (ad alta concentrazione di acido ialuronico) è praticamente immediato. La pelle appare subito più idratata, sana e rimpolpata.

Tuttavia, l’effetto tende a scomparire poco dopo la sospensione dell’applicazione delle creme. Per un reale miglioramento dell’aspetto di persone più mature l’acido ialuronico è sempre uno degli ingredienti chiave della propria beauty routine, ma non l’unico.

Difatti, in alcuni casi, potrebbe risultare necessario, abbinare il trattamento ad altre sostanze come: sostanze che nutrono la matrice cellulare, principi che stimolano l’attività dei fibroblasti (cellule deputate alla formazione di collagene ed elastica), prodotti antiossidanti che rallentano il normale invecchiamento della pelle.

Per un reale e immediato miglioramento è assolutamente dimostrata l’incredibile efficacia dei filler di acido ialuronico per riempire le rughe. Tali filler possono essere iniettati negli strati cutanei più profondi per offrire risultati duraturi e visibili.

In persone molto giovani consiglio l’utilizzo di questi prodotti a seguito di adeguato confronto con il proprio medico onde evitare di iniziare troppo precocemente con alcuni trattamenti. Diverso è per pelli non più giovani dove i meccanismi endogeni di produzione di acido ialuronico ed i meccanismi di degradazione sono già rallentati, per cui l’effetto paradosso è pressoché inesistente.

I filler di ultima generazione, grazie alla tecnologia di cross-linking dinamico, sono facili da iniettare e si integrano in modo, omogeneo nei tessuti agendo a seconda della formulazione sia sulle rughe statiche sia sulla perdita di volume o pelle disidratata.

È importante rassicurare la paziente, soprattutto se è la prima volta che si sottopone a questi trattamenti, ricordandole che la naturalezza del suo volto verrà preservata. Obiettivo di questi trattamenti, infatti, è fornire un aspetto più fresco, riposato e armonico senza alterare i suoi lineamenti. L’acido ialuronico non è predisposto per essere un filler permanente: successivamente all’iniezione, la sostanza viene progressivamente metabolizzata e quindi lentamente riassorbita dall’organismo. Fattori come l‘età, il tipo di pelle, le abitudini e l‘attività muscolare agiscono sulla durata del trattamento. Una durata standard può essere indicativamente di 5 -12 mesi, a seconda del filler scelto.

 

Guarda la scheda professionale della Dr.ssa Giuseppina Ambrosio, Centro Medico Belotero: clicca qui.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *